L’idrosadenite suppurativa o acne inversa (HS) è una patologia infiammatoria cronica, ricorrente, cutanea del follicolo pilifero. Solitamente si manifesta dopo la pubertà con lesioni infiammatorie dolorose, profonde nelle sedi corporee ricche di ghiandole apocrine comunemente le regioni ascellari, inguinali e anogenitali.

L’infiammazione è ricorrente e si verifica più di 2 volte/6 mesi oppure 3 volte/6 mesi nelle regioni inverse dell’organismo; si  presenta con noduli, tragitti fistolosi e/o cicatrici.

Criteri diagnostici primari positivi

Storia: lesioni ricorrenti dolorose o lesioni suppurative per più di 2 volte/6 mesi.

Segni: Coinvolgimento della regione ascellare, area genito-femorale, perineale,

zona glutea e zona inframammaria nelle donne. Presenza di noduli (infiammatori o non infiammatori). Tragitti fistolosi (infiammati o non infiammati), ascessi, cicatrici (atrofiche, mesh like, ipertrofiche o lineari).

Criteri diagnostici secondari positivi

Storia: famigliarità  di HS.

Microbiologia: tampone negativo o flora microbica saprofita

Diagnosi differenziale

– Infezione stafilococcica (le lesioni sono più diffuse e organizzate in modo casuale, aspetto più purulento)

– Morbo di Crohn cutaneo (associato a Crohn intestinale)

– Ascessi semplici (solitamente singole lesioni)

– Neoplasie, primarie o metastasi cutanee (segni clinici o istologici di neoplasia)

– Linfogranuloma venereo

Rare:

– Attinomicosi cutanea

– Scrofuloderma tubercolosi cutanea

Prevalenza e incidenza

Diversi studi volti a valutare la frequenza della HS hanno stimato un’importante variabilità ed incertezza riguardanti la frequenza effettiva della patologia.

Studi recenti hanno stimato l’incidenza di HS tra l’1% e il 4% della popolazione generale, con una frequenza 3 volte superiore nel sesso femminile rispetto a quello maschile.

Clinica

L’HS è suddivisibile in tre fasi sulla base della severità della malattia (Hurley staging)

La fase 1 è caratterizzata dalla presenza sporadica di noduli solitari o multipli lievemente dolenti in assenza di fistole e cicatrici.

La fase 2 si contraddistingue per la formazione ricorrente di noduli  dolenti isolati o multipli, formazione di fistole e cicatrici.

La fase 3 è caratterizzata dalla formazione di noduli multipli, dolorosi, ascessualizzati,  ricorrenti e interconnessi tra loro da tratti fistolosi localizzati nella stessa regione anatomica.

La fase 1 è la più comune, ne sono affetti il 68% dei pazienti affetti da HS, la fase 2 è presente nel 28% dei pazienti e la fase 3 nel 4%. L’ Hurley staging è una classificazione ancora oggi molto utilizzata, nonostante i suoi limiti, si tratta infatti di una classificazione non quantitativa, e non è una classificazione utilizzabile per il monitoraggio di eventuali terapie.

Il Sartorius score rappresenta una valida alternativa è infatti in grado di valutare la severità della patologia in modo più dettagliato e dinamico.

Oggigiorno, la classificazione più utilizzata è il Physician Global Assessment (PGA), questa scala permette di valutare i miglioramenti clinici in corso di terapia. Suddivide la patologia in 6 livelli di gravità:

Assente: assenza di infiammazione o  assenza di noduli non infiammatori

Minima: Presenza di noduli non infiammatori

Moderata: Meno di 5 noduli infiammatori o 1 ascesso o 1 fistola e 1 o più noduli infiammatori o 2-5 ascessi o una fistula secernente e meno di 10 noduli infiammatori

Severa: 2-5 ascessi o fistula secernente e 10 o più noduli infiammatori.

Molto severa: Più di 5 ascessi o fistole secernenti.

Kerdel et al. hanno utilizzato l’Hidradenitis Suppurativa Severity Index (HSSI) per valutare l’efficacia clinica dell’Infliximab nei pazienti affetti da HS; questo score incorpora parametri valutabili sia oggettivamente che soggettivamente.

Bibliografia
  1. Zouboulis CC, Desai N, Emtestam L, Hunger RE, Ioannides D, Juhász I, Lapins J, Matusiak L, Prens EP, Revuz J, Schneider-Burrus S, Szepietowski JC, van der Zee HH, Jemec GB. European S1 guideline for the treatment of hidradenitis suppurativa/acne inversa. J Eur Acad Dermatol Venereol. 2015 Apr;29(4):619-44.
  2. Hurley H. Axillary hyperhidrosis, apocrine bromhidrosis, hidradenitis suppurativa, and familial benign pemphigus: surgical approach. In Roenigh RRH, ed. Dermatologic Surgery. Marcel Dekker, New York, 1989: 729–739
  3. Canoui-Poitrine F, Revuz JE, Wolkenstein P et al. Clinical characteristics of a series of 302 French patients with hidradenitis suppurativa, with an analysis of factors associated with disease severity. J Am Acad Dermatol 2009; 61: 51–57
  4. Sartorius K, Emtestam L, Jemec GB et al. Objective scoring of hidradenitis suppurativa reflecting the role of tobacco smoking and obesity. Br J Dermatol 2009; 161: 831–839
  5. Grant A, Gonzalez T, Montgomery MO et al. Infliximab therapy for patients with moderate to severe hidradenitis suppurativa: a randomized, double-blind, placebo-controlled crossover trial. J Am Acad Dermatol 2010; 62: 205–217.
  6. Sartorius K, Lapins J, Emtestam L et al. Suggestions for uniform outcome
    variables when reporting treatment effects in hidradenitis suppurativa.
    Br J Dermatol 2003; 149: 211–213.
Mis favoritos