Caso clinico

Un uomo di 71 anni fu visitato a causa di una dermatite diffusa ai glutei e alle cosce.

All’anamnesi il paziente riferì di essere in buone condizioni generali di salute e di essere in terapia con bisoprololo (5 mg/die), candesartan (32 mg/die), pantoprazolo (20 mg/die) e simvastatina (20 mg/die). Riferì inoltre che la dermatite era presente da circa tre settimane, e che non era stata trattata con alcun topico. Infine, il paziente avanzò il sospetto che la dermatite fosse stata causata da prodotti contenenti olio di argan utilizzati per i massaggi.

Fig.1

All’esame obiettivo dermatologico si osservarono numerose lesioni follicolari papulo-vescicolose e papulo-pustolose, di forma rotondeggiante e di 0.3-0.5 cm, su una base eritematosa, diffuse soprattutto al gluteo e alla coscia sinistri (Figg. 1, 2). Il paziente riferiva modesto prurito.

L’esame obiettivo generale risultò negativo, con l’eccezione di una ipertensione arteriosa essenziale non adeguatamente controllata.

Gli esami di laboratorio risultarono nella norma o negativi. Il paziente rifiutò la biopsia a causa di una sospetta allergia agli anestetici. Gli esami micologici e batteriologici risultarono negativi.

In base all’anamnesi, al quadro clinico (presenza di lesioni follicolari papulo-vescicolose e papulo-pustolose, su una base eritematosa, accompagnate da

Fig. 2

prurito lieve) e alla negatività degli esami micologici e batteriologici, fu posta diagnosi di follicoliti da olio di argan.

Fu consigliato al paziente di sospendere i massaggi con l’olio di argan. Il trattamento con impacchi di NaCl allo 0.9% e con metilprednisolone aceponato in crema (una applicazione/die per una settimana) portò alla remissione completa della dermatite.

Il follow-up (tre mesi) fu negativo.

Commento

Argania spinosa appartiene alla famiglia della Sapotaceae. Cresce spontaneamente nel Marocco sud-occidentale, in aree aride e semiaride, tra le città di Marrakech ed Essaouira. Cresce anche nelle province di Khemisset, sempre in Marocco, e di Tindouf, in Algeria, dal livello del mare fino a 1.500 m. Argania spinosa non può essere coltivata. L’altezza della pianta adulta è compresa tra 2 e 10 m. I frutti maturano dopo circa 50 anni. La vita è compresa tra 150 e 200 anni.

I marocchini utilizzano i frutti di Argania spinosa per preparare un composto che viene utilizzato per alimentare il bestiame. Il legno di Argania spinosa è utilizzato come combustibile.

La parola “argan” deriva dal berbero tashelhit e significa olio.

L’olio di argan è estratto dal nocciolo dei frutti di Argania spinosa. Contiene acidi grassi, come l’oleico e il linoleico, oltre a g-tocoferolo, squalene, steroli, fenoli, come il resorcinolo, caroteni, saponine e vitamine A ed F.

L’olio di argan è utilizzato in Marocco come fotoprotettore, anti-infiammatorio e antivirale. In alcuni Paesi europei l’olio di argan è stato lanciato sul mercato come idratante e per il trattamento del chronoageing e del photoageing. Tuttavia, non sono stati pubblicati studi clinici controllati relativi all’attività dell’olio di argan in dermocosmetologia.

Gli effetti collaterali dell’olio di argan dopo assunzione orale sono rarissimi: a nostra conoscenza, è stato riportato un solo caso di anafilassi. Al contrario, sono sempre più frequenti i casi di dermatite allergica da contatto e di eruzioni acneiformi al volto.

In considerazione del successo commerciale dell’olio di argan in alcuni Paesi europei, tra cui l’Italia, è possibile che nel prossimo futuro casi di dermatiti causate da questa sostanza siano più frequenti.

Bibliografia

  1. Veraldi S, Mascagni P, Tosi D, Brena M. Allergic contact dermatitis caused by argan oil. Dermatitis 2016; 27: 391.
  2. Brena M, Tosi D, Schianchi R, Barbareschi M, Veraldi S: Folliculitis caused by argan oil. J Plast Dermatol 2019 (in press).
Mis favoritos