La donovanosi o granuloma inguinale è una rara, cronica, progressiva infezione batterica ulcerativa.

La malattia è stata per la prima volta descritta in India come un’ulcerazione seguita da elefantiasi dei genitali. Il microrganismo responsabile fu identificato nel 1905 da Donovan, che descrisse i caratteristici corpi di Donovan all’interno dei macrofagi e delle cellule epiteliali dello strato Malpighiano. In epoca pre-antibiotica, la donovanosi era diffusa in entrambi gli emisferi, oggi, è una patologia rara e presente in pochi paesi del ‘terzo mondo’.

La maggioranza dei casi sono descritti in Africa, India e Nuova Guinea in giovani adulti di età compresa tra i 20-40 anni.

Nonostante, la donovanosi sia classificata come una patologia sessualmente trasmessa la malattia può insorgere anche in individui non sessualmente attivi, in questi casi si pensa che la trasmissione del patogeno avvenga per via oro-fecale.

L’agente eziologico della donovanosi è la Klebsiella granulomatis, un batterio intracellulare Gram negativo. Clinicamente, la lesione primaria appare come una papula o un nodulo cutaneo ricco di cellule mononucleate con vacuoli citoplasmatici che contengono il microrganismo. I vacuoli citoplasmatici possono rompersi e rilasciare i corpi di Donovan.

Il periodo d’incubazione della malattia è estremamente variabile da 1 giorno ad 1 anno con un insorgenza media di malattia dopo 17 giorni dal contagio. Appaiono dapprima piccole papule o noduli che successivamente possono ulcerarsi, le lesioni sono generalmente indolenti o poco dolenti, tendono a diffondersi nel giro di settimane o mesi. Sono comunemente molto vascolarizzate, hanno un aspetto eritematoso e la tendenza al sanguinamento. La distruzione tissutale e l’ulcerazione posso determinare il rilascio di materiale con il caratteristico cattivo odore della donovanosi necrotica. Le lesioni si presentano a livello inguinale nel 20% dei pazienti e si associano al coinvolgimento genitale. Nell’uomo il sito più coinvolto è il prepuzio, il frenulo, il glande e il solco balano-prepuziale. Nella donna l’area della vulva è la più colpita con la presenza di ampie ulcerazioni e piccole papule granulomatose o verrucose.

Le lesioni extragenitali sono spesso dovute ad autoinoculazione o a disseminazione secondaria e si presentano sulla cute, nell’osso, nella cavità addominale e a livello orale.

La diagnosi richiede la presenza di corpi di Donovan nello striscio e richiede colorazione con Giemsa, Wright o lo staining per la Leishmania. Non esistono test sierologici per la diagnosi di Donovanosi. La diagnosi differenziale deve escludere la sifilide secondaria, i condilomi, iI carcinoma squamocellulare, le amebiasi, la tubercolosi cutanea, le infezioni fungine, il pioderma vegetante, il morbo di Crohn, e il pioderma gangrenoso.

Il trattamento di scelta è la doxiciclina, alternative terapeutiche sono il cloramfenicolo, il trimethoprim-sulfametossazolo, i chinolonici e l’eritromicina. La terapia deve essere effettuata per almeno 3 settimane o fino alla guarigione clinica delle lesioni. È raccomandato il monitoraggio del partner sessuale soprattutto se ci sono stati contatti nei 60 giorni precedenti l’insorgenza dei sintomi. Le recidive possono presentarsi fino a 6-18 mesi dopo la fine del trattamento.

Bibliografia
  1. Hart G. Donovanosis. Clin Infect Dis. 1997 Jul;25(1):24-30; quiz 31-2. Review.
  2. Caumes E, Janier M, Dupin N, Alcaraz I, Maatouk I, Timsit FJ; et la section
    MST de la SFD. [Donovanosis (granuloma inguinale)]. Ann Dermatol Venereol. 2016
    Nov;143(11):739-740. doi: 10.1016/j.annder.2016.09.012.
  3. Copeland NK, Decker CF. Other sexually transmitted diseases chancroid and
    donovanosis. Dis Mon. 2016 Aug;62(8):306-13. doi:
    10.1016/j.disamonth.2016.03.016. Epub 2016 Apr 20. Review.
  4. Richens J. The diagnosis and treatment of donovanosis (granuloma inguinale).
  5. Genitourin Med. 1991 Dec;67(6):441-52. Review. PubMed PMID: 1774048; PubMed Central
  6. O’Farrell N, Moi H; IUSTI/WHO European STD guidelines Editorial Board.
    European guideline for the management of donovanosis, 2010. Int J STD AIDS. 2010
    Sep;21(9):609-10.
  7. O’Farrell N. Donovanosis: an update. Int J STD AIDS. 2001 Jul;12(7):423-7.
    Review.
  8. O’Farrell N, Moi H. 2016 European guideline on donovanosis. Int J STD AIDS.
    2016 Jul;27(8):605-7. doi: 10.1177/0956462416633626. Epub 2016 Feb 15
Mis favoritos