La dermatite atopica (AD) è la più comune malattia infiammatoria cronica cutanea. La sua prevalenza è in esponenziale aumento e rappresenta un problema di salute pubblica mondiale.

Recenti studi hanno dimostrato che la prevalenza mondiale dell’AD nei bambini oscilla tra il 10-30%, mentre interessa il 2-10% degli adulti. La prevalenza risulta più elevata nei paesi industrializzati e nelle aree urbane rispetto a paesi in via di sviluppo e aree rurali, ciò potrebbe dimostrare che lo stile di vita e l’ambiente circostante giochino un ruolo fondamentale nella patogenesi della malattia. Questa osservazione supporta la controversa teoria dell’igiene secondo la quale una minor esposizione a fattori infettivi in età infantile potrebbe determinare un aumentata suscettibilità a fenomeni allergici.

Le caratteristiche principali della dermatite atopica includono un intenso prurito e un decorso cronico o cronicamente ricorrente. Generalmente, la patologia inizia durante l’infanzia (insorgenza precoce) ma talvolta può insorgere in età adulta (insorgenza tardiva). La AD è un complesso disordine genetico che spesso si accompagna ad altri disordini come la rinocongiuntivite allergica e l’asma, questo insieme di disordini viene definito ‘marcia atopica’. Queste condizioni possono insorgere simultaneamente o in momenti diversi della vita.

La AD ha predilezione per i neonati e i bambini, l’asma interessa bambini di età maggiore e la rinocongiuntive generalmente colpisce gli adolescenti.

Sono stati descritti tre sottotipi di AD in relazione all’età d’insorgenza della malattia:

Insorgenza precoce caratterizzata da uno sviluppo di malattia entro i 2 anni di vita, si tratta della forma più comune, generalmente inizia entro i primi 6 mesi di vita nel 45% degli individui, entro i primi 2 anni di vita il 50% degli affetti svilupperà anticorpi IgE specifici. Circa il 60% dei bambini affetti da questa forma d’ insorgenza precoce avrà una remissione clinica entro i 12 anni di età.

Insorgenza tardiva viene definite l’AD che insorge dopo la pubertà, la grande maggioranza di questi pazienti è di sesso femminile e il 30% non presenta IgE specifiche.

Insorgenza senile è una rara forma di AD che generalmente insorge oltre i 60 anni di età.

La AD è una patologia su base genetica come dimostrato da numerosi studi condotti su gemelli, la concordanza nei gemelli omozigoti arriva infatti al 77%, sui gemelli eterozigoti la concordanza è del 15%. Una storia familiare di AD o asma o rinocongiuntivite allergica rappresenta quindi un importante fattore di rischio per lo sviluppo della malattia.

Due set di geni maggiori sono stati associati allo sviluppo di AD: geni che codificano per le proteine presenti nell’epidermide e geni che codificano per funzioni immunologiche non strettamente correlate alla cute.

In aggiunta, oltre alle classiche mutazioni genetiche anche le alterazioni epigenetiche possono avere un ruolo nello sviluppo di AD.

Le mutazioni nel gene della filaggrina, che codifica per una proteina responsabile dell’aggregazione dei filamenti di cheratina durante la differenziazione dell’epidermide, è responsabile dell’ittiosi volgare ma rappresenta anche un fattore di rischio maggiore per lo sviluppo dell’AD. La presenza di varianti nel gene della filaggrina si correla ad insorgenza precoce di AD e maggior severità e persistenza di malattia in età adulta, questi pazienti sono, inoltre, a maggior rischio di sviluppare allergie agli arachidi, asma ed eczema herpeticum.

Bibliografia
  1. Silverberg JI. Public Health Burden and Epidemiology of Atopic Dermatitis. Dermatol Clin. 2017 Jul;35(3):283-289. doi: 10.1016/j.det.2017.02.002. Epub 2017 Apr 22.
  2. Kwa L, Silverberg JI. Financial burden of emergency department visits for atopic dermatitis in the United States. J Am Acad Dermatol. 2018
    Sep;79(3):443-447.
  3. Sacotte R, Silverberg JI. Epidemiology of adult atopic dermatitis. Clin Dermatol. 2018 Sep – Oct;36(5):595-605. doi: 10.1016/j.clindermatol.2018.05.007. Epub 2018 May 31.
  4. Jaworek AK, Szafraniec K, Jaworek M, Hałubiec P, Wojas-Pelc A. The level of total immunoglobulin E as an indicator of disease grade in adults with severe atopic dermatitis. Pol Merkur Lekarski. 2019 Dec 27;47(282):217-220
  5. Lagrelius M, Wahlgren CF, Bradley M, Melén E, Kull I, Bergström A, Lidén C. Filaggrin gene mutations in relation to contact allergy and hand eczema in adolescence. Contact Dermatitis. 2019 Nov 28.
  6. Gao PS, Rafaels NM, Hand T, Murray T, Boguniewicz M, Hata T, Schneider L, Hanifin JM, Gallo RL, Gao L, Beaty TH, Beck LA, Barnes KC, Leung DY. Filaggrin mutations that confer risk of atopic dermatitis confer greater risk for eczema herpeticum. J Allergy Clin Immunol. 2009 Sep;124(3):507-13, 513.e1-7.
Mis favoritos