Acne

L’acne è una malattia cronica e recidivante del follicolo pilo-sebaceo. Compare generalmente nelle aree ricche di ghiandole sebacee come il volto, il tronco e la zona del décolleté.

Si manifesta alternando fasi di peggioramento a fasi di remissione.

Nel 70-87% dei casi colpisce gli adolescenti, ma non è esclusiva di questa età. L’esordio è generalmente più precoce nelle femmine intorno agli 11 anni di età rispetto ai maschi 12-13 anni. Generalmente, la malattia si risolve intorno ai 20 anni, anche se nel 12% dei casi può perdurare fino ai 25 e nel 7% fino alla quarta decade di vita.

La patogenesi dell’acne è legata alla sinergia di 4 fattori principali:

  • Eccessiva produzione di sebo
  • Ostruzione del follicolo con sebo e cheratinociti
  • Colonizzazione dei follicoli da parte del Propionibacterium acnes
  • Rilascio di più mediatori dell’infiammazione

L’acne può essere classificata come:

  • Non infiammatoria: caratterizzata da comedoni
  • Infiammatoria: caratterizzata da papule, pustole, noduli e cisti

L’ acne non infiammatoria è caratterizzata dalla presenza di comedoni, tappi di sebo all’interno dei follicoli. I comedoni possono essere aperti o chiusi. I comedoni chiusi appaiono clinicamente come punti bianchi, sono lesioni palpabili color carne o biancastre, di 1-3 mm di diametro; i comedoni aperti sono clinicamente punti neri. I comedoni chiusi possono precedere l’acne infiammatoria.

Acne infiammatoria

L’acne infiammatoria è caratterizzata da papule e pustole, ciò si verifica quando il P. acnes colonizza i comedoni chiusi, trasformando il sebo in acidi grassi liberi che irritano l’epitelio follicolare e provocano una risposta infiammatoria ricca di neutrofili e linfociti. La rottura del follicolo infiammato nel derma (spesso provocato da manipolazione fisica o trattamenti aggressivi), provoca un’ ulteriore reazione infiammatoria locale con produzione di papule. Se l’infiammazione è intensa, si possono formare pustole. Clinicamente, le papule e le pustole appaiono come lesioni rosse rilevate di 2-5 mm di diametro.

Noduli e cisti sono altre manifestazioni comunemente presenti nell’acne infiammatoria. I noduli sono lesioni profonde che possono coinvolgere più di 1 follicolo, sono tipicamente più profondi e duri delle papule.

Le cisti sono grandi noduli suppurati. Raramente, le cisti formano ascessi in profondità. L’acne nodulo cistica di lunga durata può portare alla formazione di esiti cicatriziali con aspetto ipertrofico cheloideo o atrofico.

L’acne conglobata è la forma più grave di acne vulgaris che colpisce più frequentemente il sesso maschile. I pazienti presentano ascessi, fistole drenanti, comedoni fistolizzati e cicatrici cheloidee e atrofiche. Il dorso e il torace sono gravemente interessati. Possono essere inoltre coinvolte le braccia, l’ addome, i glutei e il cuoio capelluto.

L’acne fulminants è una forma di acne conglobata ulcerativa, febbrile, acuta caratterizzata dall’improvvisa comparsa di ascessi confluenti, responsabili di necrosi emorragica. A questa condizione può associarsi leucocitosi, edema e dolore articolare.

Il pioderma facciale o rosacea fulminante è una condizione clinica che compare improvvisamente nella zona centrale del volto in giovani donne. L’eruzione è caratterizzata da placche eritematose e pustole che interessano il mento, le guance e le fronte. Papule e noduli possono diventare confluenti.

La diagnosi è generalmente clinica e deve individuare il tipo di acne (comedonica, papulo-pustolosa, nodulo cistica, nodulare, conglobata, mista) , il grado di severità della malattia (lieve, moderata, severa, fulminans) ed eventuali condizioni sistemiche associate (alterazione del metabolismo ormonale ovarico o surrenalico, presenza di ovaio micropolicistico).

La diagnosi differenziale dell’acne vulgaris è con la rosacea (non presenta comedoni), con l’acne da corticosteroidi (priva di comedoni), con la dermatite periorale (solitamente con maggior distribuzione periorale e periorbitale) e con l’eruzione acneica da farmaci.

La gravità dell’acne è classificata come lieve, moderata o grave in base al numero e al tipo di lesioni.

Lieve

< 20 comedoni, o < 15 lesioni infiammatorie o < 30 lesioni totali

Moderata

20-100 comedoni, o 15-50 lesioni infiammatorie, o 30-125 lesioni totali

Grave

> 5 cisti, o comedoni > 100, o lesioni infiammatorie > 50, o > 125 lesioni totali

Il trattamento dell’acne comprende vari agenti topici e sistemici diretti a ridurre la produzione di sebo, la formazione di comedoni, l’infiammazione e la conta batterica e a normalizzare il processo di cheratinizzazione. In genere, la scelta terapeutica si basa sulla gravità della patologia.

Bibliografia
  1. Degitz K, Placzek M, Borelli C, Plewig G. Pathophysiology of acne. J Dtsch Dermatol Ges. 2007 Apr;5(4):316-23. Review.
  2. Shalita AR. Acne: clinical presentations. Clin Dermatol. 2004 Sep-Oct;22(5):385-6.
  3. Rosenfield RL. What every physician should know about polycystic ovary syndrome. Dermatol Ther. 2008 Sep-Oct;21(5):354-61.
  4. Valeyrie-Allanore L, Sassolas B, Roujeau JC. Drug-induced skin, nail and hair  disorders. Drug Saf. 2007;30(11):1011-30.
  5. Collier CN, Harper JC, Cafardi JA, Cantrell WC, Wang W, Foster KW, Elewski BE. The prevalence of acne in adults 20 years and older. J Am Acad Dermatol. 2008 Jan;58(1):56-9. Epub 2007 Oct 22. Erratum in: J Am Acad Dermatol. 2008 May;58(5):874.
  6. Friedlander SF, Eichenfield LF, Fowler JF Jr, Fried RG, Levy ML, Webster GF. Acne epidemiology and pathophysiology. Semin Cutan Med Surg. 2010 Jun;29(2 Suppl 1):2-4.
  7. Williams HC, Dellavalle RP, Garner S. Acne vulgaris. Lancet. 2012 Jan 28;379(9813):361-72. doi: 10.1016/S0140-6736(11)60321-8. Epub 2011 Aug 29. Review. Erratum in: Lancet. 2012 Jan 28;379(9813):314.
Mis favoritos